CIVILIZATION VI: LA REGINA GUGLIELMINA GUIDA I PAESI BASSI

Immagina di avere quattro anni e di sapere di essere l'erede al trono olandese. Questo è esattamente quello che è capitato alla regina Guglielmina, che iniziò a governare i Paesi Bassi al compimento dei 18 anni. Il suo regno attraversò l'alba del XX secolo, il collasso economico degli anni Trenta ed entrambe le guerre mondiali.

Il governo di Guglielmina, durato quasi 58 anni, è ricordato spesso per il suo ruolo nel mantenimento della neutralità olandese durante la Prima guerra mondiale e per aver ispirato la resistenza olandese durante la seconda. La regina inglese Vittoria la descrive come carina, gentile e intelligente, ma fu il Kaiser tedesco Guglielmo II a provare di prima mano la sua arguzia. Durante un incontro, poco prima dello scoppio della Prima guerra mondiale, il kaiser commentò che le guardie tedesche erano "alte sette piedi", mentre quelle di Guglielmina gli arrivavano "solo alla spalla". La giovane regina gli rispose con eleganza: "È vero, maestà, le vostre guardie sono alte sette piedi, ma quando noi apriamo le dighe, l'acqua arriva a dieci piedi di altezza!". I Paesi Bassi rimasero neutrali per tutta la durata della Prima guerra mondiale grazie ai negoziati con l'imperatore tedesco... che forse si ricordava di questa minaccia. Nonostante la neutralità olandese, durante la Grande Guerra Guglielmina adottò una politica di difesa molto forte.

 

Verso la fine della Prima guerra mondiale gli olandesi, famosi per i loro commerci, pur avendo dichiarato la loro neutralità subirono un blocco navale da parte delle forze alleate. Nonostante questo, e nel bel mezzo di un'economia mondiale a pezzi, gli accorti investimenti di Guglielmina la resero una delle persone più ricche del mondo... almeno finché la Germania non invase i Paesi Bassi, il 10 maggio 1940.

La regina Guglielmina protestò "con grande vigore" contro gli attacchi ai suoi territori. Fuggita dall'Olanda, si rifugiò in Inghilterra e inviò la famiglia in Canada per tutta la durata della guerra. La sua partenza non fu dettata dalla paura, ma si trattò piuttosto di una mossa calcolata: se fosse rimasta nel paese, il popolo avrebbe dato per scontato la sua collaborazione all'occupazione, mentre la fuga dimostrò la sua resistenza. Il governo rimase in esilio a Londra fino alla fine della guerra, e da lì, attraverso Radio Oranje, la regina esortò i territori occupati a tener duro. Incoraggiata dalle sue parole, la resistenza olandese continuò a combattere fino al suo ritorno, avvenuto nel 1945. 

UNITÀ ESCLUSIVA: DE ZEVEN PROVINCIËN

Le navi di classe De Zeven Provinciën ("Le Sette Province") potevano scatenare attacchi devastanti contro i vascelli nemici, ma erano anche in grado di assediare le città portuali. Lunghe quasi metà di un campo da calcio, erano armate con almeno 80 cannoni suddivisi su due ponti. Questi potenti vascelli rappresentarono la spina dorsale della flotta in molte battaglie delle guerre anglo-olandesi, battaglie in cui nessuno si aspettava che una potenza mercantile potesse vincere. Nonostante ciò, queste navi dimostrarono che gli olandesi potevano tener testa ad altre potenze navali, presumibilmente superiori.

MIGLIORAMENTO ESCLUSIVO: POLDER

I Paesi Bassi non sono rispettati solo per il loro impero commerciale, ma anche per l'ingegno della popolazione. I Polder sono tratti di bassopiano racchiusi tra dighe, in cui l'acqua può entrare solo attraverso chiuse azionate manualmente. Grazie ai Polder è possibile recuperare terreni, separandoli dal mare e da paludi che si possono successivamente prosciugare. Oltre ai benefici immediati, quali la disponibilità di nuove terre da destinare all'agricoltura e ad altri scopi produttivi, i Polder avevano anche un utilizzo militare. Come Guglielmina aveva predetto al Kaiser Guglielmo II, aprendo le chiuse con l'alta marea e sigillandole gli olandesi poterono creare paludi invalicabili che bloccarono l'esercito tedesco durante la Prima guerra mondiale.

ABILITÀ ESCLUSIVA DELLA CIVILTÀ: GROTE RIVIEREN

I "Grandi Fiumi" che danno il nome a quest'abilità si riferiscono ai corsi d'acqua che solcano i Paesi Bassi agendo da confini naturali tra diversi stati e, in certi casi, marcando i territori di interi imperi. I fiumi navigabili e i canali costruiti intorno a essi sono la base su cui gli olandesi hanno costruito la loro cultura... e le loro gigantesche flotte mercantili. Per questo motivo, i Paesi Bassi ottengono un grande bonus per la posizione dei distretti Campus, Piazza del Teatro e Zona industriale costruiti accanto a un fiume. 

ABILITÀ ESCLUSIVA DEL LEADER: RADIO ORANJE

 Durante la Seconda guerra mondiale le trasmissioni di "Radio Oranje" portarono la voce di Guglielmina fino al popolo olandese, ispirando la resistenza da lontano. I Paesi Bassi sono noti in tutto il mondo per la Rotte commerciali e le loro navi mercantili; l'abilità di Guglielmina ti permetterà di farne buon uso. Stabilire una Rotta commerciale che si dirige o proviene da una città straniera ti fornirà un bonus alla Cultura.

Guglielmina è uno dei nove nuovi leader introdotti dall'espansione Civilization VI: Rise and Fall, in uscita l'8 febbraio 2018.

Dì la tua sui social utilizzando l'hashtag #OneMoreTurn e assicurati di seguire Civilization per rimanere aggiornato sulle ultime notizie riguardanti Sid Meier's Civilization VI.